fbpx
Mindwellness Sarah Chreyha recensione
CRESCITA PERSONALE,  LIBRI

MindWellness, Sarah Chreyha: recensione

Benvenuti in una nuova recensione! Oggi parleremo di un libro particolare e diverso dal solito: MindWellness di Sarah Chreyha. Ci avventuriamo, infatti, nel mondo del benessere psicologico, spesso e volentieri poco trattato dai miellnnial!

Per molti “benessere” significa spegnere la mente, mettere in stand-by i propri problemi e far star bene il corpo: staccare per una sera, spa, centri benessere… ma una volta tornati alla routine il problema si ripresenta. Il peso che il nostro cervello sostiene non è alleviato, perché ci siamo occupati solo del corpo senza pensare a come far star bene la mente. Ma allora come si fa?

Mindwellness Sarah Chreyha recensione

Innanzitutto, chi è Sarah Chreyha?

Sarah Chreyha è una psicologa evolutiva, psicodiagnosta clinica e forense, formatrice Hr., laureata all’Università degli Studi di Padova. Tra i suoi progetti si è occupata di metodo di studio, pianificazione e progettazione, autostima e autodeterminazione. Il suo progetto MindWellness si occupa proprio di benessere e miglioramento continuo. Ha già agito sul territorio, con incontri nel nord Italia, ma nel suo libro spiega alcune delle tecniche da utilizzare. L’ho trovato molto interessante per diversi motivi. E’, infatti, evidentemente scritto da un’esperta che fa riferimento alle esperienze dei pazienti e cita studi e opinioni da fonti autorevoli. Inoltre, propone  spunti di riflessione e piccoli esercizi a fine libro, da cui possiamo partire fin da subito per iniziare ad analizzarci e riflettere su ciò che possiamo cambiare.

Le tre tappe fondamentali

Vediamo quindi quali sono le tre tappe fondamentali trattate all’interno del libro!

Il pilota automatico

La mente, come i muscoli, ha una sua memoria: se inseriamo il “pilota automatico” nella nostra vita penseremo sempre seguendo gli stessi schemi, e non riusciremo a cambiare perché basandoci sulle nostre esperienze passate saremo sicuri al 100% di fallire. Uscire dalla zona di comfort non è né semplice né automatico. Si pensa che passato e futuro siano inevitabilmente collegati: “se è andata così una volta, andrà sempre così!”, senza tener conto del potere del presente.

L’importanza della sincronia tra mente e corpo

A volte il corpo vorrebbe agire ma la mente è stanca e dubbiosa, a volte la mente è piena di vita ma il corpo è stanco o ammalato. A chi non è capitato? Una divisione netta tra corpo e spirito è tipica della forma mentis occidentale, mentre le filosofie orientali puntano a ricreare un’armonia tra i due. Sono sistemi collegati: non a caso quando la mente è stressata compaiono segni sul corpo (gastrite, orticaria e così via)! In particolare, le emozioni sono lo strumento che utilizziamo per rapportarci al mondo, per risvegliare il corpo. Un’emozione può essere percepita come un ostacolo (e in questo caso lavoreremo per nasconderla), ma se gestita correttamente può essere un potente strumento per capire cosa vogliamo e come raggiungerlo.

La socialità

Nel mondo moderno ci si sente sempre più soli. Alcuni danno la colpa alla tecnologia, che però sta solo enfatizzando un fenomeno già presente. Per gestire al meglio i rapporti sociali è necessario rendersi conto di due cose:

  • quando ci relazioniamo agli altri creiamo (in automatico e inconsapevolmente) una precisa immagine di noi, che cambia a seconda della persona con cui interagiamo. Per avere rapporti sociali soddisfacenti dobbiamo capire qual è davvero la nostra immagine, conoscerla e valorizzarla al meglio;
  • pensiamo alle persone che ci hanno fatto da subito una buona impressione e al motivo: spesso quelle persone si possono definire empatiche. Agire con empatia mette nella condizione di essere completamente coerenti con se stessi e quindi di agire nel migliore dei modi nei confronti degli altri.

Ecco un esercizio semplice per riorganizzare le proprie priorità: pensate alla vostra vita, disegnate un cerchio e dividetelo in varie parti che la rappresentino (es. famiglia, lavoro, amici, finanze, crescita personale). Chiedetevi per ognuna di quelle aree quanto siete soddisfatti, e colorate in base al risultato. Per essere felici è necessario guardare la vita nella sua interezza, per rendersi davvero conto di quali sono le aree su cui lavorare ed evitare di farsi distrarre da ciò che fanno gli altri.

Mindwellness Sarah Chreyha recensione

Ho avuto la fortuna di poter parlare direttamente con l’autrice, così ho deciso di porle una domanda molto semplice:

Per quale motivo un millennial dovrebbe leggere MindWellness?

Mindwellness si pone come obiettivo quello di aiutare le persone a concretizzare obiettivi e a valorizzare le proprie risorse. Sui giovani diventa importante in ottica prevenzione. Spesso, infatti, sono in difficoltà nel capire cosa vogliono, cosa possono fare e si perdono tante opportunità. In generale il tema del benessere psicologico è fondamentale (e non lo dico perché sono di parte) per la propria salute. I giovani sono i primi che non conoscono e non valorizzano se stessi. Inoltre, spesso è a causa di questa convinzione che la salute è solo assenza di malattia: adottiamo stili di vita disfunzionali

Insomma, una lettura che vi consiglio moltissimo, in particolare se state attraversando un’età delicata e dedicata alla formazione, come appunto i vent’anni. Potete acquistare il libro direttamente su Amazon sia in formato Kindle sia cartaceo.

 

 

6 commenti

  • Chiara

    Ciao Angelica! Da questo post ho imparato molto, mi sembra un libro davvero interessante! Voglio provare a fare l’esercizio del cerchio. Comunque trovo che il tema del tuo blog in generale sia una bella lettura: finalmente qualcosa di nuovo e utile allo stesso tempo! Brava 😉

  • Laura.

    Un libro sicuramente molto interessante! Il punto è che c’è una levetta da qualche parte nel nostro cervello e finché non decidiamo di sollevarla non c’è libro che tenga ^_^ Però sono sicura che sia molto utile leggere questi libri perché è vero che si tende a dare troppa importanza al benessere fisico a discapito di quello mentale! Io la prossima settimana inizio yoga! Speriamo di non uscirne intrecciata!

    • Angelica

      Non sai quanto capisco. Quella levetta però può essere azionata proprio con un libro, come è successo a me con il libro The Defining Decade (ne ho fatto una recensione!). Benessere fisico e mentale vanno di pari passo, auguri per lo yoga!

  • Erika Scheggia

    Un libro che acquisterò sicuramente. Ho davvero bisogno di ritrovare il mio stato di benessere, un pò di pace e relax nella mia vita sempre più incasinata. Potrebbe essermi d’aiuto. Ti ringrazio per aver presentato questo libro

    • Angelica

      Mi farebbe super piacere se lo acquistassi! Parlando con l’autrice ti posso assicurare che è una donna molto competente nel suo campo, non ti deluderà!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *