Cosa farò a Capodanno?

cosa farò a capodanno

L’ultimo giorno dell’anno è speciale.

Simboleggia la fine di un anno interno; un anno di obiettivi raggiunti e di fallimenti, un anno di avvenimenti inaspettati, un anno di incontri e sorprese. Il 31 dicembre, assieme al primo gennaio, sono due giorni di rinascita.

Per anni ho passato l’ultimo giorno di dicembre a prepararmi per la festa di capodanno: sveglia tardi (che poi ti addormenti durante la nottata), doccia, mangia poco (che poi non riesci a finire la cena), scrivi alle ultime persone per l’organizzazione delle macchinate, vestito, trucco, aspetta ferma sul divano che sei in anticipo, vabeh spizzica qualcosa che ora c’hai fame e ora che si mangia passano altre 2 ore, esci.

Insomma, il 31 dicembre aveva questa routine di totale fretta nel prepararsi per vedere gli stessi amici che ti hanno vista in pigiama con la febbre, per intenderci.

Del primo gennaio non ne parliamo proprio: dormi fino alle 12 perché hai fatto tardi, altra doccia perché non si sa per quale motivo hai i capelli appiccicosi, bevi litri d’acqua per compensare l’alcol della sera prima. E poi dai, vestiti che si va dalla nonna a mangiare che bisogna guardare l’oroscopo di Paolo Fox tutti insieme, così quando toccherà ai Gemelli dovrai gridare “state zittiiiii” pur di riuscire a sentire qualcosa.

Dirò la verità, per me capodanno è sempre stata una delle feste più sopravvalutate, ma quest’anno voglio cambiare le cose. Quest’anno voglio davvero attribuire un significato al 31 dicembre e, invece di dedicarmi alla preparazione frenetica, dedicarmi a me, alla mia salute fisica e mentale.

cosa farò a capodanno

Il mio 31 dicembere

L’ultimo giorno dell’anno lo voglio dedicare al riposo e alla cura personale. In questo modo inizierò il nuovo anno linda, pinta e profumata, ma, soprattutto, riposata. Purtroppo alle terme non posso andarci a Capodanno perché dovrei aprire un mutuo, ci arrangiamo con una SPA in casa:

  • Maschera viso e impacco ai capelli, il nuovo anno lo voglio iniziare IDRATATA.
  • Bagno caldo, con candeline, musica e tutto ciò che può rilassarmi.

Dopodiché:

  • Stretching
  • Meditazione
  • Revisione del 2018
  • Controllo degli obiettivi del 2019 (probabilmente sarà in ritardo e dovrò ancora finirli, farci l’infografica ecc…)
  • Chiusura del mese sul bullet journal

Queste saranno solo alcune delle attività a cui mi dedicherò il 31 dicembre. L’idea è proprio quella di rilassarsi, fare i conti con l’anno appena passato e prepararsi mentalmente al nuovo anno.

Poi vabeh, la sera esco lo stesso.

cosa farò a capodanno

Il 1 gennaio

Dopo la pulizia e la chiusura con il 2018, è tempo di pensare al 2019. Sarà un giorno dedicato all’entusiasmo, ai nuovi progetti, al lavoro e agli affetti. Il primo gennaio rappresenta a tutti gli effetti l’inizio e non c’è tempo per rilassamenti e ripensamenti vari, bisogna iniziare a vivere al meglio l’anno.

Quindi, sì il pranzo dalla nonna me lo farò perché è tradizione e l’oroscopo di Paolo Fox me lo voglio guardare perché quell’uomo ci prende sempre.

Ecco le altre attività che ho intenzione di fare:

  • Sveglia presto per fare ginnastica
  • Colazione
  • Iniziare a programmare i progetti del nuovo anno e le 30 days challenge (ne ho parlato qui)
  • Creazione del piano editoriale di gennaio
  • Scrittura di almeno un post sul blog
  • Organizzazione dei miei “side jobs” (ovvero i lavoretti che porto avanti accanto al mio lavoro principale, non sembra, ma prendono tempo).
  • Leggere e ascoltare un podcast

E voilà, ecco come organizzerò le mie due giornate di fine anno e inizio anno nuovo.

Fatemi sapere cosa farete voi e quali sono le attività che meglio simboleggiano la chiusura del vecchio anno e l’inizio del nuovo!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *